ADUSBEF - Home

Segnalaci il tuo caso

ADUSBEF - sito nazionale
www.adusbef.it

ADUSBEF -
www.studiotanza.it

NOTIZIE DA ADUSBEF


07 aprile 2020

Consumatori dell’energia elettrica sul piede di guerra contro le aziende fornitrici di energia:

Consumatori dell’energia elettrica sul piede di guerra contro le aziende fornitrici di energia: modulo rimborso bonario ed eventuale giudizio presso i Giudici di Pace/Tribunali.


 La Commissione Europea ha ravvisato un’incompatibilità tra la norma europea e quella italiana in merito all’applicazione delle addizionali provinciali sulle accise sull’energia elettrica (pari a: da 9,3 a 11,4 €/MWh per consumi sino a 200.000 kWh/mese, per un importo massimo annuo di circa € 25.000,00 per ciascun contatore). A seguito della pronuncia l’Italia ha dovuto abolire, con decorrenza 1/1/2012, dette addizionali provinciali.


L’addizionale provinciale sull’energia elettrica non doveva essere pagata poiché la norma nazionale che l’aveva introdotta per alimentare il gettito degli enti locali era in conflitto con la Direttiva 2008/118/CE e gli importi pagati dai consumatori finali ai diversi fornitori nazionali sono stati indebitamente pagati e ciascuno degli utenti ha ora diritto di ottenere il rimborso.


Corte di Cassazione con la sentenza n. 24629 del 3 dicembre 2015 ha, altresì, evidenziato che la possibilità di esercitare il rimborso decorre dalla data in cui l’accertamento dell’indebito è divenuto definitivo, circostanza che, nel caso in esame, coincide con la data di pubblicazione della pronuncia di legittimità che ha riconosciuto l’incompatibilità dell’addizione provinciale con la Direttiva 2008/118/CE.


Pertanto, per le utenze non domestiche, chiunque abbia pagato l’accisa e la relativa Iva, negli anni 2010 e 2011 ha diritto al rimborso; prima no perché ormai è caduto tutto in prescrizione e dopo neanche perché l’accisa è stata abrogata in seguito alle sentenze italiane (CORTE DI CASSAZIONE, Sentenza del 23/10/2019, n. 27101; Sentenza del 23 ottobre 2019, n. 27099) ed europea (CORTE DI GIUSTIZIA CE-UE, Sentenza 20 novembre 2019, n. C-400/18).


Le aziende fornitrici di energia che hanno richiesto l’indebito pagamento devono restituire le somme delle accise e della relativa IVA per poi rivalersi nei confronti dell’erario, in altre parole la restituzione delle somme indebitamente richieste farà nascere il credito dell’Enel o di qualsiasi altro gestore nei confronti dell’erario: ma intanto sia l’Enel che gli altri devono restituire i soldi (magari riaddebitando il maltolto in bolletta), in quanto loro li hanno incassati, seppur per conto dell’erario, e loro li debbono restituire.


In particolare la Corte di Cassazione, nelle sentenze evidenziate, ha rammentato e stabilito i seguenti principi di diritto:



  1. il fornitore è unicamente tenuto al pagamento delle accise e delle addizionali, ma lo stesso può addebitare completamente le accise pagate al consumatore finale (all’ art. 56, Testo unico Accise, è specificato, inoltre, che le società fornitrici “hanno diritto di rivalsa sui consumatori finali”).

  2. Le imposte addizionali sul consumo di energia elettrica devono essere erogate dal fornitore, al momento della fornitura dell'energia elettrica al consumatore finale. Il diritto al rimborso incombe esclusivamente sul fornitore, che può esercitarlo nei confronti dell’Amministrazione finanziaria:

  3. a) nel caso in cui non abbia addebitato l’imposta al consumatore finale, entro due anni dalla data del pagamento del tributo;

  4. b) nel caso in cui l’imposta sia stata addebitata al consumatore finale e che quest’ultimo abbia esercitato con successo nei suoi confronti azione di ripetizione di indebito, entro novanta giorni dal passaggio in giudicato della relativa sentenza.

  5. Nel caso in cui al consumatore finale di una fornitura elettrica siano state addebitate le imposte addizionali, lo stesso può esperire in sede civilistica l’ordinaria azione di ripetizione di indebito direttamente nei confronti dell’erogatore del servizio (fornitore), salvo chiedere eccezionalmente il rimborso anche nei confronti dell’Amministrazione finanziaria nel momento in cui l’azione esperibile nei confronti del fornitore si riveli onerosa (cfr. nell’ipotesi di fallimento del fornitore).

  6. L’utente consumatore si trova in una posizione avvantaggiata, poiché può beneficiare di un termine di prescrizione ordinario (10 anni) per l’azione civilistica di ripetizione dell’indebito, più esteso di quello di decadenza assegnato al fornitore per il rimborso.


Una volta esercitata con successo da parte del consumatore finale l’azione di rimborso nei confronti del fornitore, è quest’ultimo che ha 90 giorni dal passaggio in giudicato della sentenza per far valere il diritto al rimborso nei confronti dell’Erario, attribuendo, quindi, l’azione di rimborso al fornitore che abbia trasferito l’imposta sul consumatore al termine dell’azione da questi vittoriosamente esercitata nei suoi confronti.


 


Per contattare ADUSBEF e richiedere il modulo è possibile scrivere all’indirizzo mail “adusbef.utenti@gmail.com" con oggetto “ACCISA”



ADUSBEF

19 maggio 2020

DALL’EMERGENZA SANITARIA DA CODIV-19 A QUELLA ECONOMICA: LE MISURE DI CONTRASTO IN MATERIA FALLIMENTARE APPRONTATE DA GOVERNO

leggi tutto >>>

08 maggio 2020

Sovraindebitamento: le procedure previste dalla Legge 3 del 2012 e il Codice della crisi e dell’insolvenza

leggi tutto >>>

27 aprile 2020

Il piano di ammortamento e regime dell’interesse: strumenti occulti per variare il prezzo del finanziamento

leggi tutto >>>

07 aprile 2020

Consumatori dell’energia elettrica sul piede di guerra contro le aziende fornitrici di energia:

leggi tutto >>>

04 aprile 2020

LE BANCHE IGNORANO LE MISURE DI SOSTEGNO FINANZIARIO DEL GOVERNO AI CITTADINI E ALLE IMPRESE

leggi tutto >>>

09 marzo 2020

Contenimento della diffusione dell'epidemia da coronavirus Covid-19: Adusbef ha adottato le seguenti misure

leggi tutto >>>

04 marzo 2020

CAOS DISDETTE PRENOTAZIONI E RELATIVI RIMBORSI LEGATI ALLA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS VADEMECUM PER I CONSUMATORI

leggi tutto >>>

10 gennaio 2020

Banca Popolare di Bari Conferenza Stampa ADUSBEF Hotel Hilton Bari 18.01.2020 ore 10.30

leggi tutto >>>

21 dicembre 2019

Banca Popolare di Bari - ADUSBEF continua la sua battaglia a tutela dei suoi associati risparmiatori.

leggi tutto >>>

05 dicembre 2019

VICENDA Banca Popolare di BARI

leggi tutto >>>

21 novembre 2019

Auto “a Costo Zero” – Consumatori ed automobilisti in rivolta

leggi tutto >>>

19 novembre 2019

BIO ON - Adusbef invia le prime contestazioni alle società coinvolte

leggi tutto >>>

18 novembre 2019

Istituito nuovo sportello Adusbef in Gallipoli (Le)

leggi tutto >>>

09 novembre 2019

MPS (Processo Milano - Mussari + altri) - Imputati e banche tutti condannati

leggi tutto >>>

08 novembre 2019

Presentazione del progetto “Alfabetizzazione finanziaria dei giovani tra scuola e cinema” che ha visto coinvolti gli alunni del Liceo Classico – Scien

leggi tutto >>>

20 novembre 2018

AGCM - Sanzione di 1,6 mln di euro a quattro imprese per offerta auto a costo zero

leggi tutto >>>

05 dicembre 2017

MASSIMARIO SENTENZE ADUSBEF

leggi tutto >>>

01 ottobre 2016

MPS IL GUP DI MILANO RINVIA A GIUDIZIO TUTTI GLI IMPUTATI E FISSA L’INIZIO DEL DIBATTIMENTO ALL’UDIENZA DEL 15 DICEMBRE 2016

leggi tutto >>>

01 ottobre 2016

DEPAUPERAMENTO AZIONI BANCA VALSABBINA

leggi tutto >>>

08 settembre 2016

L’angolo economico del Dott. Mauro Novelli

leggi tutto >>>

02 agosto 2016

DEPAUPERAMENTO AZIONI VENETO BANCA

leggi tutto >>>

23 giugno 2016

Il PuntO n° 335 di Mauro Novelli

leggi tutto >>>

02 giugno 2016

IL RISPARMIO DEI PUGLIESI E LE BANCHE: DANNI SUBITI, PERICOLI, VIE PER IL RISARCIMENTO, STRUMENTI PER INVERTIRE LA ROTTA

leggi tutto >>>

07 maggio 2016

Il 27 maggio 2016 il Presidente Adusbef Puglia Avv Antonio Tanza a Bitonto

leggi tutto >>>

13 gennaio 2016

Istruzioni per affrontare il “decreto salva 4 banche”

leggi tutto >>>

26 novembre 2015

VOLKSWAGEN: cosa fare ? La ricetta dell' ADUSBEF!

leggi tutto >>>

27 aprile 2012

Striscia la Notizia del 27 aprile 2012

leggi tutto >>>

05 aprile 2012

Anatocismo,la Corte Costituzionale salva i diritti dei correntisti

leggi tutto >>>

02 novembre 2011

RISCHI MALATTIE ALCOL-CORRELATE - Ufficio Stampa CNCU

leggi tutto >>>

03 ottobre 2011

Disabilità Fisica - Rai Radio 1

leggi tutto >>>

26 settembre 2011

Class Action contro il Comune di Lecce per il filobus

leggi tutto >>>

23 agosto 2011

Convegno a Lecce, 21.09.2012: la mediazione civile e commerciale

leggi tutto >>>

05 luglio 2011

Crack Cirio

leggi tutto >>>

1234


Massimario sentenze Adusbef