ADUSBEF - Home

Segnalaci il tuo caso

ADUSBEF - sito nazionale
www.adusbef.it

ADUSBEF -
www.studiotanza.it

NOTIZIE DA ADUSBEF


27 aprile 2020

Il piano di ammortamento e regime dell’interesse: strumenti occulti per variare il prezzo del finanziamento

Il piano di ammortamento e regime dell’interesse:


strumenti occulti per variare il prezzo del finanziamento


dell’avv. Antonio TANZA, presidente di ADUSBEF adusbef@studiotanza.it


 


La banca nel predisporre il contratto di mutuo solitamente si limita ad indicare il tasso nominale annuo (TAN), la data di inizio del finanziamento e la sua scadenza, la periodicità delle rate, allegando il relativo sviluppo del piano di ammortamento, senza però fornire alcuna indicazione economica riguardo al piano di ammortamento prescelto, e soprattutto al regime degli interessi adottato (semplice o composto), nonché alle modalità di calcolo adottate.


Nessun contratto di finanziamento esplicita come il metodo di ammortamento imposto, nonché e soprattutto il regime di capitalizzazione prescelto, modifichino sensibilmente il prezzo finale del finanziamento a parità di tasso nominale TAN.


Ad esempio, tangibile differenza nasce dalla diversa scelta del piano di ammortamento del prestito; infatti, un calcolatore della rata del mutuo trasparente è reperibile sul portale https://www.amministrazionicomunali.it/strumenti/piano_ammortamento.php# in cui dà la facoltà all’utente di formulare un calcolo della rata di mutuo utilizzando diverse tipologie di ammortamento, nel caso di specie francese o italiano: questa è correttezza ed educazione finanziaria.


Ma vi è di più.


Infatti, bisogna tener conto che sia nel piano di ammortamento all’italiana, che nel piano di ammortamento alla francese, il calcolo degli interessi passivi per il cliente della banca potrà essere sviluppato o in regime semplice o in regime composto, giungendo ovviamente a risultati visibilmente differenti: in quanto l’applicazione del regime composto determina un pagamento di interessi, ben più gravoso rispetto a quello semplice.


Detta circostanza, così rilevante in un negozio che ha come oggetto la vendita del denaro, deve essere evidenziata chiaramente in contratto onde evitare che il cliente della banca cada in errore e, ciò, con un comportamento evidentemente doloso da parte di un professionista del credito come è la banca.


Detta opacità permane perfino nel portale di BankItalia, istituzione preposta al controllo dell’attività bancaria, dove nel "Calcolatore della rata del mutuo" omette di specificare che il calcolo è operato con il regime della capitalizzazione composta, quando il regime codicistico naturale è quello semplice[1], operando così una perfetta mala educación finanziaria!


La circostanza è stata valorizzata dal Tribunale di Roma, con la sentenza del 29 Maggio 2019, della Dott.ssa Antonella Zanchetta, che ha sottolineato come tra gli elementi essenziali del contratto di mutuo rientrano, tra gli altri, l'indicazione della tipologia più onerosa del piano di ammortamento (francese o, ad esempio, italiano) e del regime di capitalizzazione (semplice o composto), sottolineando come la mancata indicazione di tali elementi configura anche la violazione dell'obbligo informativo ex art. 117 TUB.


Quella parte della magistratura che ha veramente colto la problematica (non limitandosi alla mera copiatura di concetti avulsi dalla realtà matematica partoriti dalla nota cultura filobancaria[2]), non manca di porre nelle CTU dei quesiti, semplici e lineari, volti a smascherare il sofisma[3] utilizzato dal ceto bancario - ma non solo - per celare il dolo contrattuale utilizzato per indurre in errore il cliente: ad esempio il Tribunale civile di Lecce, Dott. Agnese Di Battista, ordinanza in proc. Nr. 4038/2017, del 15 aprile 2020, è un ottimo esempio di quesito utilizzato da un magistrato per capire “il sofisma bancario”[4].


Ciò a riprova che il normale consumatore, cliente della banca, non è in grado di cogliere il prezzo dell’interesse reale che va a corrispondere alla banca e non cogliere il prezzo significa non potersi autodeterminare consapevolmente nella conclusione del negozio, in quanto la sua volontà non si è formata correttamente ma in modo viziato e si è esposto così ad una scelta errata e, com’è noto, “errantis nulla voluntas est”, specialmente quando la banca è un “deceptor”, in quanto professionista del credito.


Con degli esempi apparirà chiaro come la scelta della tipologia del piano di ammortament0 e, all’interno di questo il regime degli interessi (semplice o composto) utilizzato, comporta per la banca notevoli introiti che non vengono percepiti dal cliente.


Vediamo nei 4 esempi che seguono i diversi costi del finanziamento subiti dal cliente (a parità di tasso, di numero e periodicità di rate, nonchè di capitale prestato) utilizzando tipologie di ammortamento differenti (francese o italiano) e regime di capitalizzazione (semplice o composto):


 



  1. Il piano di ammortamento con metodo Francese


Il piano di ammortamento con metodo Francese (o "progressivo") di un prestito o mutuo prevede che le rate siano posticipate e che l'importo erogato venga restituito con gli interessi in rate costanti ovvero di uguale importo.


Ciascuna rata è comprensiva di parte del capitale (quota capitale) e degli interessi (quota interessi) calcolati sul capitale residuo non ancora restituito (debito residuo).


Nel metodo "alla francese" la quota di interessi è più alta all'inizio e si riduce durante l'ammortamento, mentre la quota di capitale è più bassa all'inizio e cresce in maniera progressiva.


Detto piano può essere sviluppato o con capitalizzazione composta o semplice, giungendo a differenti risultati:


 


 


 


- Piano di ammortamento - Importo Euro 100.000,00


































Durata Anni:



20



Frequenza rata:



Mensile



Totale di rate:



240



Tasso di interesse:



5%



Tipo di ammortamento:



Francese con rata costante



Regime:



Capitalizzazione composta



Data prima scadenza:



01/03/2020



 


Prima e ultima rata:




































Rata



Scadenza rata



Capitale



Rata



Quota capitale



Quota interessi



Debito capitale residuo



Tot interessi



1



01/03/2020



100.000,00



659,96



243,29



416,67



99.756,71



416,67



240



01/02/2040



657,22



659,96



657,22



2,74



0,00



58.389,38



 


***


 


- Piano di ammortamento - Importo Euro 100.000,00


































Durata Anni:



20



Frequenza rata:



Mensile



Totale di rate:



240



Tasso di interesse:



5%



Tipo di ammortamento:



Francese con rata costante



Regime:



Capitalizzazione semplice



Data prima scadenza:



01/03/2020



 


Prima e ultima rata:




































Rata



Scadenza rata



Capitale



Rata



Quota capitale



Quota interessi



Debito capitale residuo



Tot interessi



1



01/03/2020



100.000,00



602,03



185,36



416,67



99.814,64



416,67



240



01/02/2040



600,77



602,03



600,77



1,25



0,00



44.486,41



 


 



  1. Il piano di ammortamento con metodo Italiano


 


ADUSBEF

19 maggio 2020

DALL’EMERGENZA SANITARIA DA CODIV-19 A QUELLA ECONOMICA: LE MISURE DI CONTRASTO IN MATERIA FALLIMENTARE APPRONTATE DA GOVERNO

leggi tutto >>>

08 maggio 2020

Sovraindebitamento: le procedure previste dalla Legge 3 del 2012 e il Codice della crisi e dell’insolvenza

leggi tutto >>>

27 aprile 2020

Il piano di ammortamento e regime dell’interesse: strumenti occulti per variare il prezzo del finanziamento

leggi tutto >>>

07 aprile 2020

Consumatori dell’energia elettrica sul piede di guerra contro le aziende fornitrici di energia:

leggi tutto >>>

04 aprile 2020

LE BANCHE IGNORANO LE MISURE DI SOSTEGNO FINANZIARIO DEL GOVERNO AI CITTADINI E ALLE IMPRESE

leggi tutto >>>

09 marzo 2020

Contenimento della diffusione dell'epidemia da coronavirus Covid-19: Adusbef ha adottato le seguenti misure

leggi tutto >>>

04 marzo 2020

CAOS DISDETTE PRENOTAZIONI E RELATIVI RIMBORSI LEGATI ALLA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS VADEMECUM PER I CONSUMATORI

leggi tutto >>>

10 gennaio 2020

Banca Popolare di Bari Conferenza Stampa ADUSBEF Hotel Hilton Bari 18.01.2020 ore 10.30

leggi tutto >>>

21 dicembre 2019

Banca Popolare di Bari - ADUSBEF continua la sua battaglia a tutela dei suoi associati risparmiatori.

leggi tutto >>>

05 dicembre 2019

VICENDA Banca Popolare di BARI

leggi tutto >>>

21 novembre 2019

Auto “a Costo Zero” – Consumatori ed automobilisti in rivolta

leggi tutto >>>

19 novembre 2019

BIO ON - Adusbef invia le prime contestazioni alle società coinvolte

leggi tutto >>>

18 novembre 2019

Istituito nuovo sportello Adusbef in Gallipoli (Le)

leggi tutto >>>

09 novembre 2019

MPS (Processo Milano - Mussari + altri) - Imputati e banche tutti condannati

leggi tutto >>>

08 novembre 2019

Presentazione del progetto “Alfabetizzazione finanziaria dei giovani tra scuola e cinema” che ha visto coinvolti gli alunni del Liceo Classico – Scien

leggi tutto >>>

20 novembre 2018

AGCM - Sanzione di 1,6 mln di euro a quattro imprese per offerta auto a costo zero

leggi tutto >>>

05 dicembre 2017

MASSIMARIO SENTENZE ADUSBEF

leggi tutto >>>

01 ottobre 2016

MPS IL GUP DI MILANO RINVIA A GIUDIZIO TUTTI GLI IMPUTATI E FISSA L’INIZIO DEL DIBATTIMENTO ALL’UDIENZA DEL 15 DICEMBRE 2016

leggi tutto >>>

01 ottobre 2016

DEPAUPERAMENTO AZIONI BANCA VALSABBINA

leggi tutto >>>

08 settembre 2016

L’angolo economico del Dott. Mauro Novelli

leggi tutto >>>

02 agosto 2016

DEPAUPERAMENTO AZIONI VENETO BANCA

leggi tutto >>>

23 giugno 2016

Il PuntO n° 335 di Mauro Novelli

leggi tutto >>>

02 giugno 2016

IL RISPARMIO DEI PUGLIESI E LE BANCHE: DANNI SUBITI, PERICOLI, VIE PER IL RISARCIMENTO, STRUMENTI PER INVERTIRE LA ROTTA

leggi tutto >>>

07 maggio 2016

Il 27 maggio 2016 il Presidente Adusbef Puglia Avv Antonio Tanza a Bitonto

leggi tutto >>>

13 gennaio 2016

Istruzioni per affrontare il “decreto salva 4 banche”

leggi tutto >>>

26 novembre 2015

VOLKSWAGEN: cosa fare ? La ricetta dell' ADUSBEF!

leggi tutto >>>

27 aprile 2012

Striscia la Notizia del 27 aprile 2012

leggi tutto >>>

05 aprile 2012

Anatocismo,la Corte Costituzionale salva i diritti dei correntisti

leggi tutto >>>

02 novembre 2011

RISCHI MALATTIE ALCOL-CORRELATE - Ufficio Stampa CNCU

leggi tutto >>>

03 ottobre 2011

Disabilità Fisica - Rai Radio 1

leggi tutto >>>

26 settembre 2011

Class Action contro il Comune di Lecce per il filobus

leggi tutto >>>

23 agosto 2011

Convegno a Lecce, 21.09.2012: la mediazione civile e commerciale

leggi tutto >>>

05 luglio 2011

Crack Cirio

leggi tutto >>>

1234


Massimario sentenze Adusbef